Razzismo

E’ sempre disgustoso assistere ad una scena di esplicito razzismo. Capita, mi è capitato, nel nostro paese di vedere trattare i migranti con superbia, spesso anche senza un esplicito comportamento razzista, basta un più velato atteggiamento di superiorità nei confronti del diverso, anche solo l’istituzionale percorso ad ostacoli che un extracomunitario deve compiere per un permesso di soggiorno è profondamente “razzista”. Raramente però ci si ricorda quanto lo si sia stati noi vittima di discriminazioni: Ellis Island, la Svizzera che vietava l’ingresso nei locali ai “cani ed agli italiani”. Siamo un popolo senza memoria ed il benessere c’ha montato la testa. Il razzismo ti fa sentire veramente diverso, ti fa sentire ospite indesiderato in casa di altri.

I ghanesi sono ospiti eccezionali, quante volte al giorno mi sento gridare dietro: “welcome!” da qualcuno di loro! Ed anche se ti chiamano “obrowni” (che in lingua fanti significa “uomo bianco”), lo fanno più per entrare in contatto con te, per comunicare, più che per altro. Se poi tu gli rispondi chiamandoli “obibini” (uomo nero), il loro entusiasmo ti conferma le buone intenzioni. Come in ogni parte del mondo, però, ci sono le mele marce ed anche qua esiste il razzismo. Al contrario: verso il bianco. Tutte le giustificazioni del caso sono comprensibili – i soprusi subiti, la condizione dell’Africa sicuramente responsabilità dell’Occidente – ma il disgusto rimane. Soprattutto se lo subisci sulla tua pelle.

Una prepotenza subita da un irrispettoso guidatore di SUV, mentre stavo camminando con mio figlio nel passeggino, ha visto la mia reazione esplosa in un “Idiot!” gridato in direzione dell’arrogante autista. Chiaramente ci si deve aspettare una risposta se si chiama qualcuno “idiota”, ma una mano al collo del sottoscritto ed un grido “I hate you people!” (“Vi odio voi!”) ti fa sentire impotente, ti fa sentire ospite indesiderato, ti fa quasi odiare… se non fosse per la solidarietà che subito raccogli tra gli altri locali, imbarazzati più di te per il razzismo del loro connazionale. Ecco, mi auguro solo che a casa mia, davanti ad una scena analoga, un ghanese avrebbe potuto trovare la stessa solidarietà dai miei connazionali.

Annunci

~ di olmaf su febbraio 15, 13.

Una Risposta to “Razzismo”

  1. Che brutta esperienza… mi spiace tanto 😦

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: