La storia di SuperMario vista dai ghanesi

Tratto da “Wich Ghana” august 2012

Balotelli è stato abbandonato?

Nella sala della casa della famiglia Barwuah a Konongo nell’Ashanti Region, le fotografie dei membri della famiglia adornano le mura. Ci sono le foto dei 4 figli di Rose e Thomas Barwuah – Abigail, 25, Mario, 22, Enoch, 19 e Angel, 13. Ma è Mario a prendere il palco centrale. Ci sono foto di lui neonato, dei suoi primi passi nella città siciliana di Palermo, calciando un pallone, ben vestito ad una festa di famiglia e facendo la lotta col fratello Enoch, sotto la supervisione di Rose.

Ma Mario non è più in strette relazioni con i suoi genitori biologici che ha accusato di essere cacciatori di gloria, affermando che sono tornati a cercarlo solo dopo che lui è diventato ricco. Il bambino ai primi passi è diventato un attaccante del Manchester City e vincitore della Champions League valutato oltre 40 milioni di sterline. Il giocatore chiamato “Super Mario” afferma che i suoi genitori naturali l’abbiano abbandonato quando aveva due anni di vita. […]

Nana Kwadwo Barwuah, il nonno biologico di Balotelli, prende una foto di un Mario di tre anni tenendo un pallone. E’ stata presa da una casa di un amico a Vicenza, 90 minuti di auto da Bagnolo Mella e suo figlio Thomas gliel’ha spedita. “Mio nipote era destinato a giocare a calcio” […]. Poi continua spiegando le circostanze che hanno portato all’adozione di Mario Balotelli da parte della ricca e influente famiglia italiana Israeli Balotelli: “Suo padre Thomas mi chiamò quando il ragazzo aveva 2 anni e volevano darlo in adozione, perché non potevano raccogliere i soldi per le sue cure mediche” Nana Barwuah enfatizza, accentuando che il ragazzo era nato con alcuni problemi di salute. “Io feci obiezione all’idea di darlo in adozione, ma c’era la preoccupazioni in mio figlio ed in sua moglie Rose che il loro figlio potesse morire. In un’occasione hanno anche invitato un pastore per battezzarlo, in modo che dopo la morte fosse potuto andare in paradiso”. Tutto ciò è culminato con la decisione di dare il bambino in adozione. Mister Barwuah – un povero ‘lavoratore del metallo’, come si definisce – è un uomo orgoglioso. Ma la tensione sul suo volto è evidente quando racconta al giornalista che Balotelli l’ha invitato soltanto una volta ad una partita da quando ha cominciato a giocare ed è successo quando l’Inter vinse contro il Chelsea per 2 a 1 a San Siro in Champions League. “Un giorno ha dato quattro biglietti al suo fratello Enoch” dice Mr. Barwuah “Io chiesi se sarei potuto andare a vedere la partita e lui rispose che i biglietti erano di Enoch e che poteva farci quello che voleva. Non si è mai ricordato di noi. Non un compleanno, non un Natale, niente.”

Mario Balotelli è nato a Palermo ed i Balotelli, una famiglia bianca italiana, vivevano in una grande casa a Concesio, un’agiata città sei miglia a nord di Brescia. Loro hanno potuto offrire al Mario di due anni uno stile di vita che Mr Barwuah e sua moglie potevano soltanto sognare, divenendo i suoi genitori affidatari dopo una sentenza del tribunale.

“Abbiamo voluto nostro figlio indietro per più di 10 anni, ma ogni volta che ci abbiamo provato il tribunale ci ha bloccato e come gli anni passavano, lui diventava sempre più freddo nei nostri confronti. I Balotelli conoscono molte persone e sono influenti e noi non abbiamo potuto fare niente” […].

Nel 2008, al suo diciottesimo compleanno, Balotelli ha preso la cittadinanza italiana ed alla cerimonia a Concesio i Barwuah non sono stati invitati. E’ stato sempre nel 2008 che Balotelli ha dichiarato, durante una intervista televisiva, che i suoi genitori biologici l’avrebbero abbandonato in ospedale. “Se non fossi diventato Mario Balotelli i Barwuah non si sarebbero più interessati a me” ha dichiarato. Mr. Barwuah afferma: “Mario è convinto che lo abbiamo abbandonato in un ospedale, ma questo non è vero. Questo è quello che la famiglia Balotelli ha messo nella sua testa e ci ferisce veramente”.

Annunci

~ di olmaf su marzo 29, 13.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: